Temi

Frasi sulla Delusione
Frasi sul Rispetto
Frasi sulla Falsa Amicizia
Frasi sulla Tristezza
Frasi sulla Cattiveria
Frasi sull’opportunismo
Frasi sulla delusione d’amore
Frasi sulla Calunnia
Frasi sugli Abbracci
Frasi sulla Sincerità
Frasi sui Figli
Frasi sull'Indifferenza
Frasi sul tradimento
Frasi sulle persone Negative
Frasi sul Comportamento
Frasi sulle Persone False
Frasi sul Silenzio
Frasi sulla Dignità
Frasi sull'Egoismo
Frasi sulla Pazienza
Autori
×

Frasi di Arturo Graf

Frases de Arturo Graf

È stato un poeta, aforista e critico letterario italiano.

0

  • Non merita d’essere amato chi non abbia il coraggio di farsi odiare.


  • Fa’ silenzio intorno a te, se vuoi udir cantare l’anima tua.


  • Le grandi elevazioni dell’anima non sono possibili se non nella solitudine e nel silenzio.


  • Solo chi cadde può dare altrui l’edificante spettacolo del rialzarsi.


  • Chi ha un vero amico può dire di avere due anime.


  • La felicità è come quell’oste che aveva scritto sulla sua bottega “domani si farà credito”.


  • Il modo più sicuro per rendere la vita piacevole a noi stessi è renderla piacevole agli altri.


  • Muore il giorno. In un gran ravvolgimento d’incendiate nuvole profonde. Il sol, come un perduto astro cruento, nell’alto abisso traboccò dell’onde.


  • Aiuta, se puoi, gli altri ad innalzarsi, ma a patto di non abbassarti mai tu stesso.


  • Essere modesto è spesso più facile a chi abbia fatto qualcosa che a chi non abbia fatto mai nulla.


  • Nel viaggio della vita non si danno strade in piano: sono tutte o salite o discese.


  • Se il riccio avesse un po’ di intelligenza, non avrebbe bisogno di armarsi di tante punte.


  • Datti; ma non buttarti via.


  • Triste l’uomo in cui più nulla rimanga del fanciullo.


  • Il sapere e la ragione parlano; l’ignoranza e il torto urlano.


  • A chi chiede d’essere aiutato a rialzarsi non ricusare mai di stendere la mano.


  • A chi chiede d'essere aiutato a rialzarsi non ricusare mai di stendere la mano.


  • Solo chi cadde può dare altrui l'edificante spettacolo del rialzarsi.


  • Il sapere e la ragione parlano, il torto e l’ignoranza urlano.


  • La celebrità può anche venire a passo di corsa; ma la gloria non viene se non a piccoli passi.


  • Nessuno più noioso di chi perpetuamente si annoia.


  • Il sapere e la ragione parlano, il torto e l’ignoranza urlano.


  • Il frutto che più lento matura è l’anima dell’uomo.


  • Se ami, soffrirai; se non ami, inaridirai.


  • Se tu pretendi e ti sforzi di piacere a tutti, finirà che non piacerai a nessuno.


  • Coloro (e sono il grandissimo numero) che non li sanno misurare da altro, misurano gli uomini dal cosi detto successo.


  • La mano che accarezza può far più male della mano che percuote.


  • La ricchezza può essere buon condimento nel banchetto della vita; ma tristo quel commensale cui essa sia tutt’insieme condimento e vivanda.


  • Di là da certo segno, la ricchezza e la povertà hanno comune questa maledizione, che fanno dell’uomo uno schiavo.


  • Ottimo è quel maestro che, poco insegnando, fa nascere nell’alunno una voglia grande d’imparare.


  • I novantanove centesimi della critica che si fa tra gli uomini non nasce già dall’amore del vero, ma da presunzione, arroganza, acrimonia, litigiosità, astio gelosia.


  • I più pericolosi nemici sono quelli da cui l’uomo non pensa a difendersi.


  • La politica è troppo spesso l’arte di tradire gli interessi reali e legittimi e di crearne d’immaginari ed ingiusti.


  • La vita solo allora è bella davvero, quando è ascensione.


  • Sai tu perché suol essere terribile la collera dei pacifici? Perché subitanea esplosione di molte collere represse.


  • Che cosa è l’uomo che invidia l’altro uomo, se non una miseria che invidia un’altra miseria?


  • Ricordati che la peggior nemica, e la più dannosa, che tu possa avere, è la collera.


  • Chi in un’arte è diventato maestro, può senza danno scordarsi le regole.


  • La volgarità può mutar casa e vestito, azzimarsi, lisciarsi, andare in carrozza, sedere in trono, e sarà sempre la stessa volgarità di prima.


  • Molto pochi sono gli uomini che possono tollerare negli altri i propri difetti.