Temi

Frasi sulla Delusione
Frasi sul Rispetto
Frasi sulla Falsa Amicizia
Frasi sulla Tristezza
Frasi sull’opportunismo
Frasi sugli Abbracci
Frasi sulla Calunnia
Frasi sulla Cattiveria
Frasi sulla Sincerità
Frasi sulla delusione d’amore
Frasi sull'Indifferenza
Frasi sul tradimento
Frasi sui Figli
Frasi sul Comportamento
Frasi sulle persone Negative
Frasi sulle Persone False
Frasi sul Silenzio
Frasi sulla Dignità
Frasi sull'Egoismo
Frasi sulla Pazienza
Autori
×

Frasi sulle Critiche

Frasi sulle Critiche. Trova decine di Frasi sulle Critiche con immagini da copiare e condividere.
Frasi sulle Critiche di Bob Dylan, Charles M. Schulz

0

La critica è un fucile molto bello: deve sparare raramente!



Invece di spendere la nostra vita a correre verso i nostri sogni, siamo spesso in fuga dalla paura di fallire o dalla paura delle critiche.




Questa non è arte! E’ un disegno orribile!



La critica salutare, ben informata ed equilibrata è l’ozono della vita pubblica.


Potrebbero interessarti anche



Per ogni azione, c’e’ una critica uguale e contraria.




Le critiche capitano, ma io mi sento a posto con la mia coscienza.



Il cattivo critico critica il poeta, non la poesia.



Irritarsi per una critica vuol dire riconoscere di averla meritata.



La differenza tra una critica costruttiva e una critica malevole? La prima è quella che voi fate agli altri. La seconda è quella che gli altri fanno a voi.



Ho sempre sentito le critiche della gente due volte più forti rispetto alle loro lodi.




Fare a pezzi è il lavoro di chi non sa costruire.



Psicanalisi letteraria — critica tematica — metafore ossessive, ecc. Che dire a questa gente che, credendo di possedere una chiave, non ha requie finché non ha dato alla vostra opera la forma di una serratura?



Una dozzina di complimenti falsi si sopporta meglio di un solo rimprovero sincero.



Ci saranno sempre degli Eschimesi pronti a dettar norme su come devono comportarsi gli abitanti del Congo durante la calura.




Nessun uomo può giustamente criticare o condannare un altro uomo, perché nessun uomo ne conosce veramente un altro.



Il mio lavoro va al di là delle critiche estetiche. Preferirei che si parlasse, magari anche con qualche giudizio negativo, del mio lavoro.



La critica innalza perché non vede l’ora di abbattere.



La critica letteraria non esiste. Esistono alcuni vecchi baroni, la maggior parte veramente rincoglioniti. Mancano i giovani.


Potrebbero interessarti anche



Il grado più alto a cui possa elevarsi uno spirito mediocre ma dotato di esperienza è la capacità di scoprire le debolezze degli uomini migliori di lui.



Non criticare ciò che non puoi capire.



Quando devi correggere qualcuno, sii risoluto a farlo non in forma di biasimo. Prima di criticare, osserva la situazione dal punto di vista del tuo interlocutore. Poi sii attento a parlare in modo calmo e con tatto. Scegli con attenzione le parole prima di pronunciarle.



Dopo tutto nessun artista ha bisogno delle critiche, ma soltanto del riconoscimento. Se ha bisogno delle critiche non è un artista.



Siccome non ascolto le critiche, non sento nemmeno i complimenti, sono abituato a giudicarmi sempre da solo.



Hai bisogno di un alto grado di corruzione o di un grande cuore per amare assolutamente tutto.



Prima di criticare qualcuno, cammina per un miglio nelle sue scarpe



CRITICA (la). – L’arte di passare per un uomo di gusto a forza di fare il disgustato.



Penso che l’autocritica è una sorta di dono quando sei un attore. Si tratta di essere curiosi e non raccapriccianti. Chi accetta di restare in questa nobile professione, è automaticamente autocritico.



Quando fai qualcosa di sbagliato e nessuno si prende la briga di dirtelo, significa che è meglio cambiare aria. Chi ti critica lo fa perché ti ama e ti ha a cuore.



E’ difficile accettare una critica, soprattutto quando viene da un parente, un amico, un conoscente o un estraneo.



Se alcuni parlano male di me, cercherò di capire le loro ragioni, ma dopo la mia morte me ne farò di sicuro una ragione.



Se vuoi sacrificare l’ammirazione di molti uomini per le critiche di una sola persona, allora fallo, sposati.



Non bisogna preoccuparsi delle critiche della stampa: ciò che conta è che scrivano il tuo nome giusto.



Non ho mai pensato che l’operazione letteraria sia divisibile in tanti “riquadri” e scomparti quanti sono la critica, la saggistica, la narrativa, la poesia, ecc. Se un critico non è anche un “narratore”, mi chiedo che senso abbia la sua funzione di interprete.



La critica è una cosa molto comoda: si attacca con una parola, occorrono delle pagine per difendersi.



II gobbo non vede la sua gobba, ma quella del suo compagno.



Contro i giudici che si tirano indietro e non rischiano proprio nulla, nessuno si leva a protestare o levar critiche nei loro confronti.



Le critiche non mi importano, io sono le mie parole.



Se mi criticano è buono: vuol dire che non passo inosservata.





Per evitare le critiche, non fare niente, non dire niente, non essere niente.