Temi

Frasi sulla Delusione
Frasi sul Rispetto
Frasi sulla Falsa Amicizia
Frasi sulla Tristezza
Frasi sulla Cattiveria
Frasi sull’opportunismo
Frasi sulla delusione d’amore
Frasi sulla Calunnia
Frasi sugli Abbracci
Frasi sulla Sincerità
Frasi sui Figli
Frasi sull'Indifferenza
Frasi sul tradimento
Frasi sulle persone Negative
Frasi sul Comportamento
Frasi sulle Persone False
Frasi sul Silenzio
Frasi sulla Dignità
Frasi sull'Egoismo
Frasi sulla Pazienza
Autori
×

Frasi sulla Vergogna

Le frasi sulla vergogna possono rappresentare il modo in cui le persone reagiscono a queste situazioni difficili. Alcune persone possono ritirarsi e nascondersi, mentre altri possono diventare aggressivi o ribelli quando si sentono vulnerabili. Altri ancora potrebbero tentare di mascherare la propria vergogna con umorismo o sarcasmo. In tutti i casi, le frasi sulla vergogna possono mostrare come le persone tentano di affrontare tali emozioni negative.
Frasi sulla Vergogna di François de La Rochefoucauld, Roberto Gervaso

1

Il grano rado non fa vergogna all’aia



Ce n’è voluto di tempo per smettere di vergognarmi a scrivere “attore” sui documenti. Perché è vero che sono egocentrico ma sono anche un timido. La razza peggiore, in costante contraddizione.




Gli uomini non si vergognano quando pensano qualcosa di sporco, bensì quando immaginano che si attribuiscano loro questi pensieri sporchi.


Le frasi sulla vergogna sono un modo per riflettere sulle emozioni che proviamo quando ci sentiamo inadeguati, in colpa o semplicemente imbarazzati. La vergogna è un sentimento complesso che può avere effetti negativi sulla nostra autostima e su come ci relazioniamo con gli altri.



I crimini di cui un popolo si vergogna costituiscono la sua vera storia. Lo stesso vale per l’uomo.


Potrebbero interessarti anche



L’uomo è l’unico animale che arrossisce, ma è anche l’unico che ne ha bisogno.




Il cielo sa che non dovremmo mai vergognarci delle nostre lacrime, perché sono pioggia sulla polvere accecante della terra che ricopre i nostri cuori induriti.



Volevo indagare il senso del divieto, le cause di una vergogna che non ci appartiene, ma viene determinata dallo sguardo dell’altro.



L’uomo che fa il male e ne ha vergogna ha nell’anima la possibilità di redimersi. L’uomo che fa il bene e vuol farlo sapere a tutti ha nell’anima la possibilità di perdersi.



Meglio la vergogna sul viso che una macchia sul cuore.



Ora tutti e due erano nudi, l’uomo e sua moglie, ma non ne provavano vergogna.




Dove non è vergogna, manca virtù e onore.



Non provò neppure un po’ di vergogna, quel sentimento che tante volte, ma mai abbastanza, è il nostro più efficace angelo custode.



Una brava persona si vergogna anche davanti a un cane.



L’uomo si vergogna più dei propri difetti fisici che di quelli spirituali.




La donna arrogante svergogna il marito



È più vergognoso diffidare dei propri amici che essere ingannati da loro.



Non vergognarti di volere che ti sia insegnato ciò che non sai. Saper qualcosa è fonte di lode, mentre è una colpa non voler imparare nulla.



Il prodotto piú importante dell’industria cosmetica è la vergogna di se stessi.


Potrebbero interessarti anche



Quando le nuvole vanno verso Bologna, piove senza vergogna!



Vi sono momenti in cui ci si trova nella necessità di scegliere fra il vivere la propria vita piena, intera, completa, o trascinare una falsa, vergognosa, degradante esistenza che il mondo, nella sua grande ipocrisia, ci domanda.



Sembrava che un unico essere umano l’avesse amato, e lui le aveva negato la vita e la felicità, l’aveva condannato all’ignominia, a una morte vergognosa.



Un uomo non dovrebbe mai vergognarsi di ammettere che ha sbagliato, che non è altro che dire… che oggi è più saggio di quanto non fosse ieri.



Come un cane! – disse, e fu come se la vergogna gli dovesse sopravvivere.



Se riuscissero a tacere per dieci secondi consecutivi, e a riflettere per i successivi dieci, molti italiani vorrebbero sprofondare per la vergogna. È per questo che amano così tanto fare casino.



Mio padre diceva sempre che il lavoro è come un cappello che ti metti sulla testa. Anche se non hai i calzoni, non devi andare in giro vergognandoti del tuo sedere, finché hai un cappello sulla testa.



Affogò perché si vergognava a gridare aiuto. (Marcello Marchesi).



Mi vergogno di chiunque abbia occhi e fa finta di non vedere.



Vergognarsi è essere saggi.Non si può essere saggi senza avere nulla di cui vergognarsi.



Non è una vergogna diventare ricchi. Ma è una vergogna morire ricchi.



Devi votare per qualcuno. Può essere una vergogna ma deve essere fatto.



Chi arrossisce è già colpevole, la vera innocenza non ha vergogna di nulla.



Gli uomini arrossiscono meno per i loro crimini che per le loro debolezze e vanità.



Dimmi, o Socrate, non ti vergogni, alla tua età, di andare a caccia di parole, e, quando uno si sbagli di una parola, di credere di aver trovato in questo una fortuna inaspettata?



Non c’è vergogna nel rubare da altri. Qualsiasi attore che dice che non ruba, sta mentendo. Rubate da tutto.



Lo viso mostra lo color del core.



Puoi lasciarti andare alla vergogna durante il viaggio.



Sapete, una volta ho letto un libro interessante: diceva che la maggior parte delle persone che si perdono nei boschi muore. Muore per la vergogna. Sì, muore per la vergogna: «Che cosa ho sbagliato, come ho potuto cacciarmi in questa situazione?»… e così se ne restano lì e muoiono. Perché non hanno fatto la sola cosa che avrebbe salvato loro la vita: pensare.



Il pubblico non ha vergogna né gratitudine.



L’uomo non si vergogna di peccare, ma si vergogna di pentirsi.



La timidezza è quando distogli lo sguardo da una cosa che vuoi. La vergogna è quando distogli lo sguardo da una cosa che non vuoi.