Temi

Frasi sulla Delusione
Frasi sul Rispetto
Frasi sulla Falsa Amicizia
Frasi sulla Tristezza
Frasi sulla Cattiveria
Frasi sull’opportunismo
Frasi sulla delusione d’amore
Frasi sulla Calunnia
Frasi sugli Abbracci
Frasi sulla Sincerità
Frasi sui Figli
Frasi sull'Indifferenza
Frasi sul tradimento
Frasi sulle persone Negative
Frasi sul Comportamento
Frasi sulle Persone False
Frasi sul Silenzio
Frasi sulla Dignità
Frasi sull'Egoismo
Frasi sulla Pazienza
Autori
×

Frasi di Paul Valery

Frases de Paul Valery

È stato uno scrittore, poeta e filosofo francese.

0

  • Il modo migliore per realizzarei tuoi sogni è svegliandoti.


  • L’amore consiste nell’essere cretini insieme.


  • Si deve essere leggeri come l’uccello che vola, e non come la piuma.


  • La politica è l’arte di impedire alla gente di impicciarsi di ciò che la riguarda.


  • Un persona competente è quella che sbaglia secondo le regole.


  • Bisogna essere leggeri come un uccello, non come una piuma.


  • Dio ha creato l’uomo, e non trovandolo sufficientemente solo, gli ha dato una compagna per fargli sentire più profondamente la sua solitudine.


  • La speranza vede il punto debole delle cose.


  • In materia di discussione, chiamo avversari onorevoli, quelli che non vogliono tanto «aver ragione» quanto migliorare la loro organizzazione mentale – che preferiscono la loro mente al loro amor proprio.


  • Nei libri come nei piatti amo soltanto il magro.


  • Arricchiamoci delle nostre reciproche differenze.


  • Vediamo il cammino che abbiamo appena percorso e non possiamo concepire di essere stati tanto in alto e tanto in basso.


  • Un artista non finisce mai veramente il suo lavoro; semplicemente lo abbandona.


  • L’assoluto dell’amore si riconosce dall’inquietudine di chi ama.


  • La religione cristiana svilisce il divino perché usa e abusa della morte, dell’inferno, del giudizio, della collera “divina”, dell’eternità e del verme roditore; e perché non ammette che l’uomo quando si beffa di tutte queste porcherie, è più vicino al divino che non quando ci crede.


  • Bisogna essere leggeri come una rondine non come una piuma.


  • Un cane è tutto nel suo sguardo.


  • Il naturale è noioso.


  • Felicità: l’arma più crudele nelle mani del tempo.


  • Ogni emozione, ogni sentimento mette in rilievo un difetto di adattamento.


  • La conoscenza ha come limite il corpo dell’uomo.


  • La “civilizzazione” è prospettiva.


  • Il numero dei nostri nemici cresce in proporzione all’accrescimento della nostra importanza. Lo stesso vale per il numero dei nostri amici.


  • Ci sono cose che si possono esprimere solo in una ganga di sciocchezze, con delle assurdità, delle contraddizioni. Sventura vuole che siano le più preziose.


  • Le ragioni che fanno sì che ci si astenga dai crimini sono più vergognose, più segrete dei crimini.


  • L’angelo non differisce dal demonio che per una riflessione che non gli si è ancora presentata.


  • Le ragioni per cui ci si astiene dai delitti, sono più vergognose e segrete dei delitti stessi.


  • La guerra è il massacro di persone che non si conoscono, per conto di persone che si conoscono ma non si massacrano.


  • La menzogna e la credulità si accoppiano e generano l’opinione.


  • Un’opinione è una scelta che facciamo conoscendo solo una parte delle cose e supponendo di vederne la totalità e tutte le conseguenze.


  • L’ingegno può coesistere con le superstizioni più grossolane.


  • Un uomo sano di mente è uno che tiene sotto chiave il pazzo interiore.


  • Non sempre io sono del mio parere.


  • La storia è la scienza delle cose che non si ripetono.


  • I grandi uomini muoiono due volte: una volta come uomini, e una volta come grandi.


  • Chi vuole fare grandi cose deve pensare profondamente ai dettagli.


  • L’analisi è talvolta un modo di disgustarsi nei particolari di ciò che era sopportabile nell’insieme. E vivere con qualcuno è un modo di analisi che ottiene gli stessi effetti.


  • Preferisco esser letto molte volte da uno solo che da molti una volta sola.


  • Ogni metafisica deriva da un cattivo uso delle parole.


  • Il grande trionfo dell'avversario è farvi credere quello che dice di voi.