Temi

Frasi sulla Delusione
Frasi sul Rispetto
Frasi sulla Falsa Amicizia
Frasi sulla Tristezza
Frasi sulla Cattiveria
Frasi sull’opportunismo
Frasi sulla delusione d’amore
Frasi sulla Calunnia
Frasi sugli Abbracci
Frasi sulla Sincerità
Frasi sui Figli
Frasi sull'Indifferenza
Frasi sul tradimento
Frasi sulle persone Negative
Frasi sul Comportamento
Frasi sulle Persone False
Frasi sul Silenzio
Frasi sulla Dignità
Frasi sull'Egoismo
Frasi sulla Pazienza
Autori
×

Frasi di Emil Cioran

Frases de Emil Cioran

0

  • Ogni amicizia è un dramma impercettibile, una serie di sottili ferite.


  • La saggezza maschera le nostre piaghe: ci insegna come sanguinare di nascosto.


  • Per quanto disincantati siamo, ci è impossibile vivere senza alcuna speranza. Ne serbiamo sempre una, a nostra insaputa, e quella speranza inconscia compensa tutte le altre, esplicite, che abbiamo respinto o esaurito.


  • Noi deriviamo la nostra vitalità dal magazzino della pazzia.


  • È chiaro come il sole che Dio era una soluzione e che non ne troveremo mai una altrettanto soddisfacente.


  • Dio si insedia nei vuoti dell’anima. Sbircia i deserti interiori, perché a somiglianza della malattia egli predilige occupare i punti di minor resistenza. Una creatura armoniosa non può credere in Lui.


  • Se c’è qualcuno che deve tutto a Bach, è proprio Dio.


  • Una piena esperienza metafisica altro non è che ininterrotto stupore, stupore trionfale.


  • La timidezza, fonte inesauribile di disgrazie nella vita pratica, è la causa diretta, anzi unica, di ogni ricchezza interiore.


  • Nella ricerca del tormento, nell’accanimento alla sofferenza, solo il geloso può competere con il martire. Eppure, si canonizza l’uno e si ridicolizza l’altro.


  • Per smettere di tormentarsi, bisogna lasciarsi andare a un disinteresse profondo, smettere di preoccuparsi del quaggiù o del lassù, cadere nel menefreghismo dei morti.


  • Niente supera in gravità gli sgarbi e le villanie che si commettono per timidezza.


  • Ancor più che una reazione di difesa, la timidezza è una tecnica, indefinitamente perfezionata dalla megalomania degli incompresi.


  • Si è e si resta schiavi finché non si è guariti dalla mania di sperare.


  • Soltanto nella misura in cui si sfida la morte a ogni istante, è dato intravedere su quale insania si fondi ogni esistenza.


  • Quando discerniamo l'irrealtà in ogni cosa, diventiamo noi stessi irreali, cominciamo a sopravviverci, per quanto forte sia la nostra vitalità, per quanto imperiosi siano i nostri istinti. Ma non sono più che falsi istinti, e falsa vitalità.


  • Il bisogno di gloria deriva da un senso di totale insicurezza circa il proprio valore, dalla mancanza di fiducia in se stessi.


  • So perché sono triste, ma non saprei dire perché sono melanconico. Prolungandosi nel tempo senza mai raggiungere un’intensità particolare, gli stati melanconici cancellano dalla coscienza ogni motivo iniziale, presente invece nella tristezza.


  • La malinconia è il languido desiderio di insolubile.


  • In un mondo senza malinconia gli usignoli si metterebbero a ruttare.


  • La nostalgia, più di ogni altra cosa, ci dà il brivido della nostra imperfezione.


  • Questo bisogno di rimorsi che precede il Male, cosa dico, che lo crea...


  • Avere il vizio dello scrupolo, essere un automa del rimorso.


  • I dolori immaginari sono di gran lunga i più reali, dato che ne abbiamo un bisogno costante e li inventiamo perché non c’è modo di farne a meno.


  • Beati quelli che ignorano che maturare è assistere all’aggravarsi delle proprie incoerenze e che questo è il solo progresso di cui dovrebbe essere permesso vantarsi.


  • Il limite di ogni dolore è un dolore più grande.


  • Non c’è forma di intolleranza, di intransigenza ideologica che non riveli il fondo bestiale dell’entusiasmo. Perda l’uomo la propria facoltà di indifferenza: diverrà virtualmente assassino; trasformi la sua idea in dio: le conseguenze saranno incalcolabili.


  • Un pidocchio cosciente dovrebbe affrontare esattamente le stesse difficoltà, gli stessi insolubili problemi che ha l’uomo.


  • All’interno di ogni desiderio lottano un monaco e un macellaio.


  • Dopo le metafore, la farmacia. Così si sgretolano i grandi sentimenti.


  • Un libro che lascia il lettore uguale a com’era prima di leggerlo è un libro fallito.


  • La morte è uno stato di perfezione, il solo alla portata di un mortale.


  • La vera vertigine è l’assenza di follia.


  • Forse la follia è soltanto un dispiacere che abbia smesso di evolversi.


  • Un’idea, un essere, qualsiasi cosa si incarni perde il suo volto, tende al grottesco. Frustrazione del compimento. Non evadere mai dal possibile, lasciarsi andare, da eterno velleitario, dimenticare di nascere.


  • Ogni pensiero deriva da una sensazione frustrata.


  • Il fallimento, sempre essenziale, ci svela a noi stessi, ci permette di vederci come ci vede Dio, mentre il successo ci allontana da quanto c’è di più intimo in noi e in tutto.


  • Al culmine della disperazione, solo la passione dell’assurdo può rischiarare di una luce demoniaca il caos.


  • Un libro deve frugare nelle ferite, anzi deve provocarle. Un libro deve essere un pericolo.


  • È proprio del dolore non avere vergogna di ripetersi.