Temi

Frasi sulla Delusione
Frasi sul Rispetto
Frasi sulla Falsa Amicizia
Frasi sulla Tristezza
Frasi sull’opportunismo
Frasi sugli Abbracci
Frasi sulla Calunnia
Frasi sulla Cattiveria
Frasi sulla delusione d’amore
Frasi sulla Sincerità
Frasi sull'Indifferenza
Frasi sul tradimento
Frasi sui Figli
Frasi sul Comportamento
Frasi sulle persone Negative
Frasi sulle Persone False
Frasi sul Silenzio
Frasi sulla Dignità
Frasi sull'Egoismo
Frasi sulla Pazienza
Autori
×

Frasi sulla Lontananza

Frasi sulla Lontananza. Trova decine di Frasi sulla Lontananza con immagini da copiare e condividere.
Frasi sulla Lontananza di

0

Telefono. Invenzione del diavolo che annulla alcuni dei vantaggi del mantenere una persona sgradita a distanza.



La lontananza e la lunga assenza vanno a scapito di ogni amicizia.




La lontananza sai, è come il vento spegne i fuochi piccoli, ma accende quelli grandi… quelli grandi.



La vita di un uomo puro e generoso è sempre una cosa sacra e miracolosa, da cui si sprigionano forze inaudite che operano anche in lontananza.


Potrebbero interessarti anche



Sembrava che ci amassimo meglio quando c’era una spazio di due continenti tra noi. Il lavoro quotidiano dell’amore era spesso difficile da gestire in casa.




Lontano dagli occhi, lontano dal cuore, e tu sei lontana, lontana da me.



Il carisma dell’Avvocato Agnelli lo si percepiva in lontananza. Stava sempre vicino alla squadra, era informatissimo. E quando parlavi con lui ti accorgevi che di calcio ne capiva tantissimo.



Porto il tuo cuore con me (lo porto nel mio cuore).



Dove stavi di solito, c’è un buco nel mondo, dove mi ritrovo a camminarci continuamente durante il giorno e ad entrarci di notte. Mi manchi da morire.



Lontano, lontano nel tempo qualche cosa negli occhi di un altro ti farà ripensare ai miei occhi, i miei occhi che t’amavano tanto. […] E lontano, lontano nel mondo una sera sarai con un altro, e ad un tratto, chissà come e perché, ti troverai a parlargli di me, di un amore ormai troppo lontano.




Noi ci tocchiamo. Con che cosa? Con dei battiti d’ali. Con le stesse lontananze ci tocchiamo.



Ogni incontro implicava una separazione, e così sarebbe stato finché la vita fosse stata mortale. In ogni incontro c’era un po’ del dolore della separazione, ma in ogni separazione c’era anche un po’ della gioia dell’incontro.



La distanza non è un ostacolo al tenersi in contatto − ma il tenersi in contatto non è un ostacolo all’essere distanti.



La lontananza sai è come il vento che fa dimenticare chi non s’ama è già passato un anno ed è un incendio che mi brucia l’anima io che credevo di essere il più forte mi sono illuso di dimenticare e invece sono qui a ricordare a ricordare te




Mi manchi ancora più di quanto avrei potuto credere; ed ero preparato al peggio.



Acqua lontana non spegne il fuoco.



La lontananza ogni gran piaga sana.



La poesia è distacco, lontananza, assenza, separatezza, malattia, delirio, suono, e soprattutto, urgenza, vita, sofferenza. È l’abisso che scinde orale e scritto.


Potrebbero interessarti anche



Love knows not its own depth until the hour of separation. L’amore non conosce la sua profondità fino all’ora della separazione.



L’amore è come il fuoco: senz’alimento si spegne.



Ogni separazione ci fa pregustare la morte, e ogni rivederci ci fa pregustare la resurrezione. Perciò le stesse persone, che erano state indifferenti l’una all’altra, si rallegrano tanto, quando, dopo venti o trent’anni, si incontrano di nuovo.



Quanto lontana o quanto vicina sei, Ingeborg? Dimmelo, così saprò se tu chiudi gli occhi, quando io adesso ti bacio.



– La lontananza rafforza l’amore!– Oppure lo distrugge.



La presenza sminuisce la fama, mentre la lontananza l’accresce: le qualità perdono lucentezza se si toccano troppo, mentre la fantasia giunge più lontano della vista.



La lontananza che impiccolisce gli oggetti per l’occhio, li ingrandisce per il pensiero.



Il nostro compito principale non consiste nel vedere vagamente in lontananza, ma nel fare ciò che abbiamo chiaramente a portata di mano.



Eppure nonostante tutto, solo noi, sappiamo essere così lontanamente insieme.



La più grande distanza in questo mondo non è quella tra la vita e la morte, è quando sono a un passo da te, e non sai che ti amo.



La semplice mancanza di lei conta di più per me che la presenza degli altri.



Ho capito quanto è duro per chi lavora lontano da casa non poter vedere i propri cari. Ma sono cose che si fanno anche per loro.



Tre sono i personaggi di questa istoria d’amore: Paolo Herz, Luisa Cima e Chérie. Malgrado il suo cognome tedesco, Paolo Herz è italiano, di madre e di padre italiani, delle provincie meridionali. Veramente, non è inutile aggiungere che l’avo paterno di Paolo era tedesco. Questo nonno aveva lasciato la Germania in piccolissima età, emigrando in Italia: qui era cresciuto, aveva lavorato ad accrescere la sostanza famigliare e il decoro del nome Herz: qui si era ammogliato con una italiana, e aveva procreato dei figli. Così i legami con la patria di origine, almeno quelli esteriori, si eran venuti col tempo, con la lontananza, rallentando e poi, più tardi, sciogliendosi: tanto che gli Herz sembrava non conservassero più nessuna traccia nordica nel temperamento e nel carattere.



Un teatro era il paese, un proscenio di pietre rosa, una festa di mirabilia. E come odorava di gelsomino sul far della sera. Non finirei mai di parlarne, di ritornare a specchiarmi in un così tenero miraggio di lontananze.



La lontananza sai è come il vento che fa dimenticare chi non s’ama.



La distanza non separa le persone, il silenzio lo fa.



Distanza significa così poco quando qualcuno significa così tanto.



A volte è necessario prendere le distanze per vedere le cose chiaramente.



Sono geloso delle persone che ti vedono ogni giorno.



Non c’è distanza che possa farmi dimenticare di te.



Odio le stelle, perché guardo le stesse che guardi te, ma senza di te.



C’è un cielo che potrei sedermi qui e raccontartelo. E dirti quanti colori gli mancano quando non ci sei.