Temi

Frasi sulla Delusione
Frasi sul Rispetto
Frasi sulla Falsa Amicizia
Frasi sulla Tristezza
Frasi sull’opportunismo
Frasi sulla Cattiveria
Frasi sulla Calunnia
Frasi sugli Abbracci
Frasi sulla delusione d’amore
Frasi sulla Sincerità
Frasi sull'Indifferenza
Frasi sui Figli
Frasi sul tradimento
Frasi sul Comportamento
Frasi sulle persone Negative
Frasi sulle Persone False
Frasi sul Silenzio
Frasi sulla Dignità
Frasi sull'Egoismo
Frasi sulla Pazienza
Autori
×

Frasi di Mauro Corona

Frases de Mauro Corona

0

  • Dalla vetta non si va in nessun posto, si può solo scendere.


  • Sognava rocce, spazi aperti e cielo sopra la testa. Senza, era triste.


  • Le montagne sono belle perché hanno il vuoto attorno. Un vuoto che ci spaventa, forse perché rispecchia quello che abbiamo dentro.


  • Ma devo dire che la montagna mi ha regalato ciò che gli uomini, le donne, i genitori, non sono riusciti a darmi. Dalla montagna mi sono sentito compreso, ascoltato, degnato di attenzione. Qualche volta anche spintonato, ma sempre dopo essere stato avvertito.


  • La malinconia si tira dietro la disperazione ché loro sono amiche, e tutte e due insieme mettono le mani a imbuto sulla bocca e chiamano a piena voce le malattie.


  • Poiché l’idea di fallimento in senso negativo può esistere solo rispetto a un progetto, che la natura non ha, è chiaro che nella natura questa negatività non esiste. Esiste solo la vita.


  • Se continui a cercare di realizzare un sogno, non hai ancora fallito.


  • La novità, il mai visto, anche quando lo si intuisce sciocco e banale, ha la capacità di abbagliare e accecare l’individuo, a meno che non sia molto accorto.


  • I bravacci e gli spacconi, quelli che tracannano alcolici a garganella e fumano una sigaretta dopo l’altra, o si drogano, sono di gran lunga più deboli di voi. Sono fragili, insicuri, spaventati, per questo si comportano in tal modo.


  • Era talmente freddo che, al mattino, quando parlavamo tra noi operai, le parole, non appena uscivano dalla bocca, si congelavano nell’aria tanto da non udire il minimo rumore.


  • Se non è allenato alla sconfitta, educato a perdere, corazzato al dolore, in pratica se non ha palle, cominciano i guai.


  • Dolore e solitudine fanno cadereuomini e muri.


  • Solo quando il danno è ormai fatto il destino ti fa scoprire il bello della vita, la pace, la serenità e il valore delle cose semplici.


  • Il vivere appartato e fiero di qualche anima solitaria che non chiede niente a nessuno.


  • Nella difficile arte di stare al mondo si dovrebbe scrivere la vita con leggerezza, scivolare, sorvolare, dimenticare, ripartire ogni mattina da quello che resta. In una parola: fregarsene.


  • Quando si rifiuta il mondo e la società intera, solo gli animali diventano lo scrigno che può accogliere le nostre confidenze, le nostre paure, i nostri segreti.


  • Il dolore sopportato in silenzio rende forti nello spirito, ma anche fragili, disinteressati alla vita e privi di ogni difesa.


  • Nessuna fede, nessun Dio è più forte del denaro. Quello è il vero, unico Dio.


  • Di amori speciali ce ne sono pochi nel mondo. Il resto sono parvenze d’amore in cui si dichiara di voler bene a qualcuno premurandosi di voler bene a se stessi.


  • Le scottature più pericolose sono quelle ricevute da piccoli, poiché induriscono il carattere e fanno sì che l’animo di un bambino non si apra più.


  • Mossi dalla rabbia non bisogna fare niente, perché si sbaglia e si sbaglia grave.


  • Un sasso nella corrente. Questo era diventato quell’uomoiracondo e insoddisfatto. Una scheggia provvisoria, fortunosamente scampata alla morte, ormai priva di spigoli, lame e punte.


  • Resistere equivale a essere infranti e allora, da buon opportunista, si piega per non farsi spezzare.


  • Le assenze lasciano segni, solchi che nessuna aggiunta può colmare.


  • Il vino distrugge le famiglie, la pace, la serenità, l’amicizia, tutto.


  • La dolcezza dei buoni, dei vinti, degli inermi. La dolcezza della malasorte accettata senza reclami.


  • Chi viene allontanato non se ne va a mani vuote, ruba sempre un po’ d’anima all’altro.


  • Tutti i popoli del mondo hanno trovato qualcosa di pronto, tracciato, agevolato da altri vissuti prima.


  • Essere toccati dal pericolo rende ogni volta un po’ più forti, ma pure guardinghi e diffidenti.


  • Il futuro è un tempo nel quale dorme l’ignoto. Non vorrei che quell’ignoto mi tirasse lo sgambetto perciò non tengo sogni nel cassetto.


  • Il futuro non si pensa, viene da solo, come vuole lui.


  • Le persone buone che ci aiutano e ci vogliono bene vengono ripagate solo dai nostri insulti.


  • Di animo buono e dolce, non conosceva malizia alcuna e, a volte, come succede agli uomini, quelle sue belle caratteristiche venivano scambiate per stupidità.


  • Il badile non è un politico, non si sposta da destra a sinistra o viceversa senza vergogna.


  • Tutto rientra nel gioco della vita e in questo gioco sopravvivi se comprendi e accetti la tua più intima natura.


  • La luce del primo mattino colava sui tetti del villaggio con passo tardivo.


  • Nemmeno il caffè andrebbe bevuto senza prima aver ingerito qualcosa che prepari il terreno.


  • Avete distrutto la natura intera, il mare, le foreste, l’aria. Avete spazzato via la bellezza pur di far soldi e arricchirvi.


  • Fame e freddo non fanno domande.


  • Freddo e fame non rendono gli uomini buoni, li rendono saggi, forse astuti, di sicuro opportunisti.