Temi

Frasi sulla Delusione
Frasi sul Rispetto
Frasi sulla Falsa Amicizia
Frasi sulla Tristezza
Frasi sull’opportunismo
Frasi sugli Abbracci
Frasi sulla Calunnia
Frasi sulla Cattiveria
Frasi sulla Sincerità
Frasi sulla delusione d’amore
Frasi sull'Indifferenza
Frasi sul tradimento
Frasi sui Figli
Frasi sul Comportamento
Frasi sulle persone Negative
Frasi sulle Persone False
Frasi sul Silenzio
Frasi sulla Dignità
Frasi sull'Egoismo
Frasi sulla Pazienza
Autori
×

Frasi di Fernando Pessoa

Frases de Fernando Pessoa

È stato un poeta, scrittore e aforista portoghese.

0

  • Amare è stancarsi di essere solo: è dunque una vigliaccheria e un tradimento verso noi stessi (è sovranamente importante non amare)


  • Non è nei vasti campi o nei grandi giardini che vedo giungere la primavera. È nei rari alberi di una piccola piazza della città. Lì il verde spicca come un dono ed è allegro come una dolce tristezza.


  • Non c’è così tanta metafisica sulla terra come in un cioccolatino.


  • Io non sono niente. Non sarò mai nulla. Non potrei voler essere qualcosa. A parte questo, ho in me tutti i sogni del mondo.


  • Ogni volta che qualcuno mi dice che ha sognato, mi chedo se si rende conto che non ha mai fatto altro che sognare.


  • Ogni volta che ho amato ho finto di amare, e ho finto con me stesso.


  • Felice è colui che dalla vita non esige più di quello che essa spontaneamente gli offre, facendosi guidare dall’istinto dei gatti, che cercano il sole quando c’è il sole e quando non c’è il sole, il caldo, dovunque esso sia.


  • Non c’è felicità se non con consapevolezza. Ma la consapevolezza della felicità è infelice, perché sapersi felice è sapere che si sta attraversando la felicità e che si dovrà subito lasciarla. Sapere è uccidere, nella felicità come in tutto.


  • La vita è un male degno di essere vissuto.


  • La letteratura, come tutta l’arte, è la confessione che la vita non basta.


  • Se la vita non ci ha dato altro che una cella di reclusione, facciamo in modo di addobbarla, almeno, con le ombre dei nostri sogni.


  • Non apprezza la libertà chi non ha mai conosciuto la costrizione.


  • Non il piacere, non la gloria, non il potere: la libertà, unicamente la libertà.


  • Tutto è imperfetto, non c’è tramonto così bello da non poterlo essere di più.


  • Un tramonto è un fenomeno intellettuale.


  • Tutto respira al di là del colore e del rumore, in un sospiro profondo e muto.


  • Che cos’è viaggiare e a cosa serve viaggiare? Qualsiasi tramonto è il tramonto; non è necessario andarlo a vedere a Costantinopoli.


  • Il tramonto si diffonde fra le nuvole isolate, separate in tutto il cielo. Riflessi di ogni colore, riflessi tranquilli, riempiono le varietà dell’aria in alto, fluttuano assenti nelle grandi pene dell’altitudine.


  • Chi ama non sa mai quello che ama, né sa perché ama, né cosa sia amare…


  • Ci sono navi che salpano verso molti porti, ma non una sola va dove la vita non è dolorosa.


  • Quello che distingue le persone le une dalle altre è la forza di farcela, o di lasciare che sia il destino a farla a noi.


  • Vivere è non pensare.


  • Saggio è colui che si contenta dello spettacolo del mondo.


  • Non conosco altra ragione di amarti che amarti.


  • Il mio passato è tutto ciò che non sono riuscito a essere.


  • Nostalgia! La sento anche per qualcuno che non significava nulla per me, per l’ansia per il volo del tempo e una malattia alimentata dal mistero della vita. Se uno dei volti che incrocio ogni giorno sulla strada scompare, mi sento triste; eppure non significavano niente per me, se non essere un simbolo di tutta la vita.


  • La tristezza solenne che abita in tutte le grandi cose sulle vette come nelle grandi vite, nelle notti profonde come nei poemi eterni.


  • Il mondo visibile continua regolarmente alla luce del sole. Il mondo sconosciuto ci spia dall’ombra.


  • Basta un mal di denti per non farci credere nella bontà del Creatore.


  • In me, l’intensità delle sensazioni è sempre stata meno forte rispetto all’intensità della sensazione di esse. Ho sempre sofferto più per la coscienza di soffrire che per la sofferenza di cui avevo coscienza.


  • Vivo con intensità soltanto le sensazioni minime e relative a cose piccolissime. Credo che ciò avvenga a causa del mio amore per la futilità, oppure per la mia scrupolosa attenzione ai dettagli. O piuttosto ciò dipende dal fatto che le cose minime, non avendo assolutamente nessuna importanza sociale o pratica, hanno proprio per questa assenza, una totale indipendenza da entità contaminate dalla realtà.


  • Chissà se il romanzo non sarà una realtà più perfetta e una vita che Dio crea attraverso noi, e se noi – chissà – esistiamo soltanto per creare?


  • Nella vita attuale il mondo appartiene solo agli stupidi, agli insensibili e agli agitati. Il diritto a vivere e trionfare oggi si conquista quasi con gli stessi requisiti con cui si ottiene il ricovero in manicomio: l’incapacità di pensare, l’amoralità e l’ipereccitazione.


  • Vivere è morire, perché non abbiamo un giorno in più nella nostra vita senza avere, al contempo, un giorno in meno.


  • L’inventore dello specchio ha avvelenato l’animo umano.


  • La mia anima è una misteriosa orchestra. Non so quali strumenti, quali violini e arpe, timpani e tamburi suonino dentro me. Tutto quello che sento è la sinfonia.


  • È nobile essere timido, illustre non saper agire, grandioso non avere attitudine alla vita.


  • Non ho mai avuto altra vera preoccupazione se non la mia vita interiore.


  • Il mio male peggiore è di non riuscire mai a dimenticare la mia presenza metafisica nella vita. Di qui, la timidezza trascendentale che terrorizza tutti i miei gesti, che toglie a tutte le mie frasi la linfa della semplicità, dell’emozione diretta.


  • Se per te è impossibile vivere solo, sei nato schiavo.