Temi

Frasi sulla Delusione
Frasi sul Rispetto
Frasi sulla Falsa Amicizia
Frasi sulla Tristezza
Frasi sull’opportunismo
Frasi sulla Cattiveria
Frasi sulla Calunnia
Frasi sugli Abbracci
Frasi sulla delusione d’amore
Frasi sulla Sincerità
Frasi sui Figli
Frasi sul tradimento
Frasi sull'Indifferenza
Frasi sulle persone Negative
Frasi sul Comportamento
Frasi sulle Persone False
Frasi sul Silenzio
Frasi sulla Dignità
Frasi sull'Egoismo
Frasi sulla Pazienza
Autori
×

Frasi di William Makepeace Thackeray

Frases de William Makepeace Thackeray

È stato uno scrittore britannico dell'età vittoriana.

16

  • Amare e vincere è la cosa migliore. Amare e perdere, quella immediatamente successiva.


  • Chi di noi è felice in questo mondo? Chi ha dei desideri o chi, avendoli soddisfatti, si sente pago?


  • Quando tu mi guardi, quando pensi a me, io sono in paradiso.


  • Essere sempre vincente, calpestare il prossimo, non avere mai dubbi. Non sono queste le qualità che consentono alla imbecillità umana di trionfare nel mondo?


  • La vendetta sarà forse malvagia, ma è naturale.


  • Ci sono tanti diamanti falsi in questa vita che passano per veri, e viceversa.


  • Quanti addendi di crimini, di miseria, di schiavitù, occorrono per formare quel totale che si chiama la gloria.


  • Il pigro senza ambizione si rifiuta interamente alla lotta e decreta a se stesso il nome di filosofo.


  • La novità ha un fascino a cui difficilmente possiamo resistere.


  • Il coraggio non va mai giù di moda.


  • Un buon pasto rende un uomo più caritatevole verso il mondo di qualsiasi sermone.


  • In un rapporto amoroso le parti sono due: una che ama e l’altra che si lascia amare.


  • Non perdere mai l'opportunità di dire una parola gentile.


  • La disperazione è perfettamente compatibile con una buona cena, vi assicuro.


  • Avere sempre ragione, farsi sempre strada, calpestare tutto, non avere mai dubbi: non sono forse queste le grandiqualità con le quali la stoltezza governa il mondo?


  • La pipa estrae saggezza dalle labbra del filosofo e chiude la bocca allo sciocco; produce uno stile di conversazione contemplative, pensoso, benevolo e non affettato.